Ma cosa c’era in quei magazzini? A Tianjin serve una Direttiva Seveso

Alcune parole ricorrono in modo preoccupante nelle cronache da Tianjin, la città portuale cinese teatro di una spaventosa esplosione in un deposito di sostanze chimiche. Parole come “discrepanze”, “notizie frammentarie”, “le autorità non sanno…”. Non sanno? In effetti le autorità non sanno di preciso cosa ci fosse nei magazzini della Ruihai International Logistics, la seconda […]

Continua la lettura