Malaterra. Così hanno avvelenato l’Italia

A Brescia ci sono giardinetti dove i bambini non possono giocare. I cartelli sono chiari: non buttarsi sull’erba, non raccogliere fiori e foglie, non giocare con la terra e non scavarla. Il motivo è che i terreni sono contaminati da diossine e Pcb, policlorobifenili, sostanze estremamente tossiche e cancerogene disperse da una vecchia fabbrica chimica, la Caffaro.  A Taranto invece quando […]

Continua a leggere


Villaggi nativi e miniere di carbone. Le donne di Tamnar hanno vinto un round

Un piccolo gruppo di villaggi “tribali” dell’India profonda contro due potenti compagnie minerarie, una privata e una statale. La sproporzione delle forze è schiacciante, eppure i villaggi nativi hanno vinto un round. Per otto giorni e notti consecutivi hanno bloccato l’accesso alle miniere di carbone, finché l’amministrazione ha accettato di rispondere alle loro richieste: lavoro, risarcimenti, giustizia. […]

Continua a leggere


Perché Generali continua a investire nella Duke Energy, e nel carbone?

Generali è una delle maggiori compagnie d’assicurazione italiane. Duke Energy è la maggiore azienda produttrice di energia elettrica degli Stati uniti, oggi sotto accusa per aver inquinato diversi bacini d’acqua. Per capire cosa le lega, seguiamo il filo del carbone. Il carbone resta tra le fonti d’energia fossile più estratte del Pianeta, con miniere attive […]

Continua a leggere


Etiopia: perché una «economia emergente» chiede aiuti umanitari

L’Etiopia sta affrontando la siccità più grave dell’ultimo mezzo secolo e all’inizio dell’anno ha lanciato un appello alle agenzie umanitarie internazionali: oltre 10 milioni di persone sono sull’orlo della fame. L’Etiopia però è anche uno dei «casi di successo» dell’economia mondiale, o almeno così viene descritta: l’economia è cresciuta in media del 10 per cento […]

Continua a leggere