India: proteste dopo l’arresto di Stan Swami, il gesuita che difende i “tribali”

Padre Stan Swami a Bagaicha, la sua comunità

Ha suscitato molte proteste in India l’arresto di Padre Stan Swamy sj, un sacerdote gesuita noto per la sua difesa dei diritti delle popolazioni indigene nello stato nord-occidentale del Jharkhand. L’Agenzia di investigazione nazionale (Nia) l’ha arrestato l’8 ottobre con l’accusa di essere un membro del partito armato maoista, di sedizione e di terrorismo. Stan […]

Continua a leggere


I Pfas sono tossici. Ma allora perché sono ancora nell’acqua potabile?

Un incontro con alcuni dirigenti del ministero dell’Ambiente, una visita alla Camera dei deputati, una richiesta di colloquio all’Istituto superiore di sanità: assomiglia a un giro delle sette chiese la visita a Roma delle “Mamme no Pfas”, il gruppo nato nella provincia di Vicenza tre anni fa, quando un piano di sorveglianza sanitaria ha rivelato […]

Continua a leggere


Perché protestano le lavoratrici di Dhaka. Il virus colpisce la filiera globale degli abiti

A Gazipur, nella periferia industriale di Dhaka in Bangladesh, le lavoratrici di due fabbriche di abbigliamento protestano da due giorni consecutivi contro la decisione di pagargli solo il 60 per cento del salario di aprile. Altre operaie protestano perché i salari comunque non sono arrivati, e neppure quelli di marzo. Da almeno un mese la […]

Continua a leggere


In Amazzonia continua la “guerra di conquista”

L’Amazzonia è di nuovo scomparsa dai nostri schermi, dopo il clamore suscitato dalla crisi degli incendi della scorsa estate nell’Amazzonia brasiliana. Eppure, la deforestazione non rallenta: secondo l’Istituto nazionale di ricerca spaziale del Brasile (Inpe, Instituto Nacional de Pesquisas Espaciais), che con i suoi satelliti monitora i cambiamenti nel territorio amazzonico, da agosto 2018 a […]

Continua a leggere


Le alluvioni che devastano l’Iran. Un’emergenza all’ombra delle sanzioni

È il più grave disastro naturale che colpisce l’Iran da almeno quindici anni. Piogge torrenziali hanno investito ampie zone del nord, nord-ovest e sudovest del paese durante le feste di Nowruz (il capodanno persiano, che cade il 21 marzo) provocando gigantesche inondazioni – benché nel disinteresse quasi totale dei media internazionale. Oltre 2000 città e […]

Continua a leggere


Un villaggio inghiottito dal carbone in Mozambico. E una campagna per “il diritto a dire di no”

Il carbone ha cambiato in modo drastico la vita di Moatize, distretto rurale nella valle del fiume Zambesi, nel Mozambico settentrionale. La miniera infatti ha costretto migliaia di persone a lasciare tutto e andarsene. Duzeria, una degli sfollati, ricorda: «Il governo ha detto che non potevamo restare là perché eravamo seduti su una montagna di […]

Continua a leggere


Malaterra. Così hanno avvelenato l’Italia

A Brescia ci sono giardinetti dove i bambini non possono giocare. I cartelli sono chiari: non buttarsi sull’erba, non raccogliere fiori e foglie, non giocare con la terra e non scavarla. Il motivo è che i terreni sono contaminati da diossine e Pcb, policlorobifenili, sostanze estremamente tossiche e cancerogene disperse da una vecchia fabbrica chimica, la Caffaro.  A Taranto invece quando […]

Continua a leggere